Artists

Artists

Abnoba

Vincent Boniface clarinetto, sax, cornamuse, organetto
Simone Bottasso organetto, flauto traverso
Paolo Dall’Ara cornamusa, flauti, tarota, bombarda
Marco Inaudi basso
Pietro Numico pianoforte, tastiere
Sabrina Pallini voce
Luca Rosso batteria

Il gruppo Abnoba nasce dall’ispirazione di sette giovani musicisti che coinvolge universi stilistici ed espressivi di diverso genere convergenti in un linguaggio nuovo, “senza luogo”. Prende così vita una composizione influenzata dal patrimonio tradizionale dell’Europa Occidentale e dell’Italia Settentrionale che si mescola ad un sound ricco di feeling fusion, funky, jazz, talvolta tendente addirittura al minimalismo elettronico.

Sull’esempio di gruppi già esistenti (Blowzabella, Dédale, Occidentale de Fanfare) , Abnoba, attraverso l’utilizzo di strumenti moderni e della tradizione crea un linguaggio ancora più innovativo, liberandosi da stereotipi e connotazioni spazio-temporali e ponendosi al servizio di una ricerca sperimentale caratterizzata però da un’ottima fruibilità.

L’eredità “popolare” di Abnoba diviene così concreta ed attuale, coinvolgendo sia sul piano tecnico che sul piano emozionale ed accompagna il suo pubblico in un viaggio sonoro fatto di urla e carezze, di ironia e amore per la vita.

L’attività discografica e concertistica di Abnoba ha da sempre portato la band a condividere la propria musica con altre figure provenienti da panorami differenti.

Tra le collaborazioni più importanti l’incontro con la cantante Sabrina Pallini, dapprima ospite nel disco “Vai Facile” ed “Abnormal” ed ora membro ufficiale della band; la partecipazione agli album ed ai concerti dei ghirondisti Patrick Bouffard, Sebastien Tron e Gregory Jolivet; gli assoli e l’interpretazione blues delle corde del chitarrista Paolo Bonfanti, l’incontro con le voci del coro Voces Nocturnae; i suoni del piffero popolare delle Quattro Provincie di Stefano Valla.

L’ultima collaborazione effettuata, forse la più prestigiosa, è stata con il trombettista sardo Paolo Fresu e il suo quartetto d’archi Alborada, con i quali la band ha avuto l’onore di condividere il proprio repertorio. Il concerto, che ha registrato il tutto esaurito e ha riscontrato un ottimo gradimento da parte del pubblico, si è tenuto presso il Teatro Toselli di Cuneo nella primavera del 2010 nell’ambito del Festival della Montagna.