Ray Ban Nuova Collezione

Chandor ambientato in mare aperto dal titolo All is Lost. Nel 2016 sarà al fianco di Cate Blanchett e John Benjamin Hickey nel solido e coinvolgente dramma che esplora i rapporti tra politica e giornalismo, Truth Il prezzo della verità.Oggi più che mai, Robert Redford ha letteralmente aperto una strada per tutti quegli attori e autori indipendenti che non vogliono stare sotto le rigide schermaglie di Hollywood e del suo Star System imperante. Non esistono più gli attori ingenui di una volta che facevano tutto quello che gli Studios comandavano e non si nascondevano di fronte a niente neppure di fronte a tutti quegli orribili ruoli stereotipati .

Sceglie di recitare accanto a Gene Hackman e Sharon Stone nel pessimo western Pronti a morire (1995) e torna assieme a De Niro, ma anche a Meryl Streep nel melodramma La stanza di Marvin (1996). Si respira aria di rinascita con Romeo + Giulietta di William Shakespeare (1996) per il quale ruolo di Romeo in versione pop vincerà l’Orso d’Argento al Festival di Berlino come miglior attore.Considerato per il ruolo di James Dean in un film basato sulla sua vita, si vede offrire anche il ruolo di Dirk Diggler in Boogie Nights L’altra Hollywood(1997), ma rifiuterà lasciando il ruolo al suo amico Mark Wahlberg per il ruolo di Jack ne Titanic (1997) di James Cameron.Il successo di TitanicUn successo di dimensioni planetarie per questo kolossal costato 200 miliardi di vecchie lire e ostinatamente inseguito dal visionario regista Cameron che con i suoi incassi al botteghino è balzato al primo posto nella classifica dei film più di successo nella storia del cinema. Amore e romanticismo investono il personaggio del pittore Jack, facendo di Leonardo DiCaprio l’idolo di tutti i teen agers.

L’esordio di Leste Chen al lungometraggio è un affresco intimista e acuto delle esperienze di vita di quattro ventenni, vicende probabilmente molto simili a quelle vissute del regista stesso, visto che Chen è appena 23enne.I quattro sono esemplari di quella che i media definiscono “strawberry generation”, una generazione di giovanissimi taiwanesi completamente allo sbando che conducono un’esistenza a base di droga, sesso casuale e teppismo, all’insegna della più truce disillusione.Non c’è una vera e propria storia, ma piuttosto una serie di avvenimenti che in qualche modo sono legati tra loro e tutti concorrono a disegnare le personalità dei protagonisti. Difatti il film è diviso in quattro capitoli: “Morte”, “Capelli”, “Tatuaggi”, “Fotografie”, nel corso dei quali i ragazzi hanno a che fare con il sesso etero e omosessuale, la violenza, l’aborto, la droga, il suicidio e quant’altro, in un percorso che li vede pressoché estranei a tutto quanto riguarda le loro vite, eccezion fatta per la loro amicizia. Per quanto sfocata e dichiaratamente effimera, l’amicizia è l’unico valore cui i quattro ragazzi si affidano consapevolmente nel fare delle scelte: il resto è pura casualità.Disinibiti è un film che porta a riflettere, straordinariamente interessante se pensiamo alla giovane età del suo regista.

Leave A Reply